+39 080.531.23.30

Search our Site

agenzia marketing bari

Siete mai stati così occupati a parlare al telefono da non accorgervi che il semaforo è diventato verde ed è il vostro turno di attraversare la strada? Vi siete mai trovati a leggere solo notizie che supportano ulteriormente la vostra opinione? Questi sono solo alcuni dei molti casi di bias cognitivi che sperimentiamo ogni giorno della nostra vita. 

Prima di immergerci in questi diversi pregiudizi, facciamo un passo indietro e definiamo cos'è il bias (pregiudizio).

Iniziamo subito con dei concetti importanti che ci serviranno in seguito:

  • I bias cognitivi sono errori inconsci nel pensiero che derivano da problemi legati alla memoria, all'attenzione e ad altri errori mentali.
  • Questi pregiudizi derivano dagli sforzi del nostro cervello di semplificare il mondo incredibilmente complesso in cui viviamo.
  • Il bias di conferma, il bias del senno di poi, il bias di autoservizio, il bias di ancoraggio, il bias di disponibilità, l'effetto framing e la cecità disattenta sono alcuni degli esempi più comuni di bias cognitivi.
  • I pregiudizi (bias) cognitivi hanno implicazioni dirette sulla nostra sicurezza, le nostre interazioni con gli altri e il modo in cui prendiamo giudizi e decisioni nella nostra vita quotidiana.
  • Anche se questi pregiudizi sono inconsci, ci sono piccoli passi che possiamo fare per allenare la nostra mente ad adottare un nuovo modello di pensiero e mitigare gli effetti di questi pregiudizi.

Cos'è il bias cognitivo?

Un bias cognitivo è un errore subconscio nel pensiero che ti porta a interpretare male le informazioni del mondo che ti circonda, e influenza la razionalità e la precisione delle decisioni e dei giudizi. I pregiudizi sono processi inconsci e automatici progettati per rendere il processo decisionale più rapido ed efficiente. I pregiudizi cognitivi possono essere causati da una serie di cose diverse, come l'euristica (scorciatoie mentali), pressioni sociali ed emozioni.

In senso lato, il pregiudizio è una tendenza a propendere a favore o contro una persona, un gruppo, un'idea o una cosa, di solito in un modo che è ingiusto. I pregiudizi sono naturali - sono un prodotto della natura umana - e non esistono semplicemente nel vuoto o nella nostra mente - influenzano il modo in cui prendiamo decisioni e agiamo.

In psicologia, ci sono due rami principali di pregiudizi: conscio e inconscio. Il bias consapevole, o bias esplicito, è intenzionale - sei consapevole dei tuoi atteggiamenti e dei comportamenti che ne derivano (Lang, 2019).

I bias espliciti possono essere positivi perché aiutano a fornirti un senso di identità e possono portarti a prendere buone decisioni (per esempio, essere prevenuti verso i cibi sani).

Tuttavia, questi pregiudizi possono spesso essere pericolosi quando prendono la forma di stereotipi consapevoli.

D'altra parte, il bias inconscio, o bias cognitivo, rappresenta l'insieme dei bias che non sono intenzionali - non sei consapevole dei tuoi atteggiamenti e dei comportamenti che ne derivano (Lang, 2019).

Il bias cognitivo è spesso il risultato del tentativo del nostro cervello di semplificare l'elaborazione delle informazioni: riceviamo circa 11 milioni di bit di informazioni al secondo, ma possiamo elaborare solo circa 40 bit di informazioni al secondo (Orzan et al., 2012).

Pertanto, spesso ci affidiamo a scorciatoie mentali (chiamate euristiche) per aiutarci a dare un senso al mondo con relativa velocità. Come tali, questi errori tendono a derivare da problemi legati al pensiero: memoria, attenzione e altri errori mentali.

I pregiudizi cognitivi possono essere vantaggiosi perché non richiedono molto sforzo mentale e possono permettere di prendere decisioni in modo relativamente rapido, ma come per i pregiudizi coscienti, i pregiudizi inconsci possono assumere la forma di pregiudizi dannosi che servono a danneggiare un individuo o un gruppo.

La storia del bias cognitivo: corso intensivo

Il termine bias cognitivo è stato coniato per la prima volta negli anni '70 dagli psicologi israeliani Amos Tversky e Daniel Kahneman, che hanno usato questa frase per descrivere i modelli di pensiero errati delle persone in risposta a problemi di giudizio e decisione (Tversky & Kahneman, 1974).

Il programma di ricerca di Tversky e Kahneman, il programma delle euristiche e dei bias, ha studiato come le persone prendono decisioni quando hanno risorse limitate (es:, tempo limitato per decidere quale cibo mangiare, informazioni limitate per decidere quale casa comprare).

Come risultato di queste risorse limitate, le persone sono costrette a fare affidamento su euristiche, o scorciatoie mentali veloci, per aiutare a prendere le loro decisioni.

Tversky e Kahneman volevano capire i pregiudizi specifici che sono associati a questo processo di giudizio e decisione.

Per farlo, i due ricercatori si sono basati su un paradigma di ricerca che presentava ai partecipanti un qualche tipo di problema di ragionamento che aveva una risposta normativa calcolata (hanno usato la teoria della probabilità e la statistica per calcolare la risposta attesa). Le risposte effettive dei partecipanti sono state poi confrontate con la soluzione predeterminata per rivelare le deviazioni sistematiche che si sono verificate nella mente.

Dopo aver eseguito diversi esperimenti con innumerevoli problemi di ragionamento, i ricercatori sono stati in grado di identificare numerose violazioni delle norme che risultano quando la nostra mente si basa su questi pregiudizi cognitivi per prendere decisioni e giudizi (Wilke & Mata, 2012).

Grazie a Tversky e Kahneman (e a molti altri psicologi che hanno aperto la strada), ora abbiamo un dizionario esistente dei nostri pregiudizi cognitivi. Ancora una volta, questi pregiudizi si verificano come un tentativo di semplificare il mondo complesso e rendere l'elaborazione delle informazioni più veloce e più facile. Questa sezione si immergerà in alcune delle forme più comuni di bias cognitivi.

Bias di conferma

Il bias di conferma si riferisce alla tendenza a interpretare le nuove informazioni come conferma delle tue convinzioni e opinioni preesistenti.

Questo approccio distorto al processo decisionale è in gran parte involontario e spesso risulta nell'ignorare le informazioni incoerenti. Le convinzioni esistenti possono includere le nostre aspettative in una data situazione e le previsioni su un particolare risultato.

Le persone sono particolarmente propense a elaborare le informazioni per sostenere le proprie convinzioni quando la questione è per loro molto importante o rilevante.

Il bias di conferma è un esempio di come gli esseri umani a volte processano le informazioni in modo illogico e distorto. Molti fattori di cui le persone non sono consapevoli possono influenzare l'elaborazione delle informazioni. I filosofi notano che gli esseri umani hanno difficoltà ad elaborare le informazioni in modo razionale e imparziale una volta che hanno sviluppato un'opinione sulla questione. Gli esseri umani sono meglio in grado di elaborare razionalmente le informazioni, dando uguale peso a più punti di vista, se sono emotivamente distanti dalla questione (anche se un basso livello di confirmation bias può ancora verificarsi quando un individuo non ha interessi acquisiti).

Una spiegazione del perché gli esseri umani sono suscettibili al bias di conferma è che è un modo efficiente di elaborare le informazioni. Gli esseri umani sono bombardati da informazioni nel mondo sociale e non possono assolutamente prendersi il tempo di elaborare attentamente ogni pezzo di informazione per formare una conclusione imparziale. Il processo decisionale umano e l'elaborazione delle informazioni è spesso distorto perché le persone sono limitate a interpretare le informazioni dal proprio punto di vista. Le persone hanno bisogno di elaborare rapidamente le informazioni per proteggersi dai danni. È adattivo fare affidamento su riflessi istintivi e automatici che tengono gli esseri umani fuori pericolo.

Un'altra ragione per cui le persone mostrano bias di conferma è per proteggere la loro autostima. Alle persone piace sentirsi bene con se stesse, e scoprire che una credenza a cui tengono molto è sbagliata fa sentire male le persone con se stesse. Pertanto, le persone cercheranno informazioni che supportino le loro convinzioni esistenti. Un altro motivo è l'accuratezza. Le persone vogliono sentirsi intelligenti, e le informazioni che suggeriscono che una persona ha una convinzione imprecisa o ha preso una decisione sbagliata suggeriscono che manca di intelligenza.

bias di conferma

Esempi del mondo reale

Dall'esperimento di Watson del 1960, gli esempi del mondo reale di bias di conferma hanno guadagnato attenzione.

Questa forma di bias spesso si infiltra nel mondo della ricerca stessa, quando gli psicologi interpretano selettivamente i dati o ignorano i dati sfavorevoli per produrre risultati che supportino la loro ipotesi iniziale.

Il bias di conferma è anche incredibilmente pervasivo su internet, in particolare con i social media. Tendiamo a leggere articoli di notizie online che supportano le nostre convinzioni e non riusciamo a cercare fonti che le sfidano.

Diverse piattaforme di social media, come Facebook, contribuiscono a rafforzare il nostro bias di conferma nutrendoci di storie con cui siamo probabilmente d'accordo - spingendoci ulteriormente in queste camere d'eco di polarizzazione politica.

Alcuni esempi di confirmation bias sono particolarmente dannosi, in particolare nel contesto della legge. Per esempio, un detective può identificare un sospetto all'inizio di un'indagine e poi cercare prove di conferma e minimizzare le prove falsificate.

Esperimenti

Il bias di conferma risale al 1960, quando Peter Wason sfidò i partecipanti a identificare una regola che si applicava alle triple di numeri.

Alle persone è stato prima detto che la sequenza 2, 4, 6 si adatta alla regola, e poi hanno dovuto generare delle proprie triple e gli è stato detto se quella sequenza si adatta alla regola. La regola era semplice: qualsiasi sequenza ascendente.

Ma non solo i partecipanti hanno avuto insolitamente difficoltà a capirlo e hanno invece elaborato ipotesi troppo complicate, ma hanno anche generato solo triple che confermavano la loro ipotesi preesistente (Wason, 1960).

Spiegazioni

Ma perché si verifica il bias di conferma? In parte è dovuto all'effetto del desiderio sulle nostre credenze. In altre parole, certe conclusioni desiderate (quelle che supportano le nostre credenze) hanno più probabilità di essere elaborate dal cervello ed etichettate come vere (Nickerson, 1998).

Questa spiegazione motivazionale è spesso accoppiata con una teoria più cognitiva.

La spiegazione cognitiva sostiene che poiché la nostra mente può concentrarsi solo su una cosa alla volta, è difficile elaborare in parallelo (vedi elaborazione delle informazioni per maggiori informazioni) ipotesi alternative, quindi, come risultato, elaboriamo solo le informazioni che si allineano con le nostre convinzioni (Nickerson, 1998).

Un'altra teoria spiega il bias di conferma come un modo per migliorare e proteggere la nostra autostima.

Come nel caso del self-serving bias (vedi più avanti), la nostra mente sceglie di rafforzare le nostre idee preesistenti perché avere ragione aiuta a preservare il nostro senso di autostima, che è importante per sentirsi sicuri nel mondo e mantenere relazioni positive (Casad, 2019).

Anche se il bias di conferma ha ovvie conseguenze, è comunque possibile lavorare per superarlo essendo di mentalità aperta e disposti a guardare le situazioni da una prospettiva diversa da quella a cui si potrebbe essere abituati (Luippold et al., 2015).

Anche se questo pregiudizio è inconscio, allenare la tua mente a diventare più flessibile nei suoi schemi di pensiero aiuterà a mitigare gli effetti di questo pregiudizio.

Bias del senno di poi

Il bias del senno di poi si riferisce alla tendenza a percepire gli eventi passati come più prevedibili di quanto non fossero in realtà (Roese & Vohs, 2012). Ci sono spiegazioni sia cognitive che motivazionali per il motivo per cui attribuiamo tanta certezza nel conoscere il risultato di un evento solo una volta che l'evento è stato completato.

asimov senno di poi

Fate bene a chiedervi come questo sia simile all'errore fondamentale di attribuzione (Ross, 1977), che identifica la nostra tendenza a enfatizzare troppo i fattori interni per il comportamento degli altri mentre attribuiamo fattori esterni per il nostro.

La distinzione è che il self-serving bias riguarda la valenza. Cioè, quanto è buono o cattivo un evento o una situazione. Ed è anche interessato solo agli eventi di cui si è l'attore.

In altre parole, se un guidatore vi taglia la strada mentre il semaforo diventa verde, l'errore fondamentale di attribuzione potrebbe farvi pensare che sia una cattiva persona e non considerare la possibilità che fosse in ritardo al lavoro.

D'altra parte, l'errore di attribuzione si esercita quando siete voi l'attore. In questo esempio, voi sareste il guidatore che taglia davanti all'altra macchina, e vi direste che è perché siete in ritardo (un'attribuzione esterna a un evento negativo) invece che perché siete una cattiva persona.

Esempi dal mondo reale

Dallo sport al posto di lavoro, il pregiudizio di autosuggestione è incredibilmente comune. Per esempio, gli atleti sono veloci ad assumersi la responsabilità per le vittorie personali, attribuendo i loro successi al duro lavoro e alla capità di rimanere concentrati, ma puntano a fattori esterni, come le chiamate ingiuste o il maltempo, quando perdono (Allen et al., 2020).

Sul posto di lavoro, le persone attribuiscono fattori interni quando vengono assunti per un lavoro, ma fattori esterni quando vengono licenziati (Furnham, 1982). E nello stesso ufficio, i conflitti sul posto di lavoro sono attribuiti all'esterno e i successi, che si tratti di una presentazione persuasiva o di una promozione, ricevono spiegazioni interne (Walther & Bazarova, 2007).

Inoltre, il pregiudizio di autoservizio è più prevalente nelle culture individualiste, che pongono l'accento sui livelli di autostima e sugli obiettivi individuali, ed è meno prevalente tra gli individui con depressione (Mezulis et al., 2004), che sono più propensi ad assumersi la responsabilità dei risultati negativi.

Superare questo pregiudizio può essere difficile perché va a scapito della nostra autostima. Tuttavia, praticare l'autocompassione - trattando se stessi con gentilezza anche quando si fallisce o non si riesce - può aiutare a ridurre il pregiudizio di autoservizio (Neff, 2003).

Esperimenti

Basandosi sulle crescenti liste di euristiche di Tversky e Kahneman, i ricercatori Baruch Fischhoff e Ruth Beyth-Marom (1975) sono stati i primi a studiare direttamente il bias del senno di poi in un contesto empirico.

Il team ha chiesto ai partecipanti di giudicare la probabilità di diversi esiti della visita dell'ex presidente americano Richard Nixon a Pechino e Mosca.

Dopo il ritorno di Nixon negli Stati Uniti, ai partecipanti è stato chiesto di ricordare la probabilità di ogni risultato che avevano inizialmente assegnato.

Fischhoff e Beyth hanno scoperto che per gli eventi che si sono effettivamente verificati, i partecipanti hanno ampiamente sovrastimato la probabilità iniziale che avevano assegnato a quegli eventi.

Quello stesso anno, Fischhoff (1975) introdusse un nuovo metodo per testare il bias del senno di poi - un metodo che i ricercatori usano ancora oggi.

Ai partecipanti viene data una breve storia con quattro possibili risultati, e viene detto loro che uno è vero. Quando viene loro chiesto di assegnare la probabilità di ogni specifico risultato, assegnano regolarmente una maggiore probabilità al risultato che è stato detto loro essere vero, indipendentemente da quanto sia effettivamente probabile.

Ma il bias del senno di poi, non esiste solo in contesti artificiali. Nel 1993, Dorothee Dietrich e Matthew Olsen hanno chiesto agli studenti universitari di prevedere come il Senato degli Stati Uniti avrebbe votato sulla conferma del candidato alla Corte Suprema Clarence Thomas.

Prima del voto, il 58% dei partecipanti ha previsto che sarebbe stato confermato, ma dopo la sua effettiva conferma, il 78% degli studenti ha detto che pensava che sarebbe stato approvato - un primo esempio del bias del senno di poi. E questa forma di bias si estende ovviamente oltre il mondo della ricerca.

Spiegazioni

Dal punto di vista cognitivo, l'hindsight bias può derivare da distorsioni dei ricordi di ciò che sapevamo o credevamo di sapere prima che un evento si verificasse (Inman, 2016).

È più facile richiamare le informazioni che sono coerenti con le nostre conoscenze attuali, quindi i nostri ricordi si deformano in un modo che concorda con ciò che è realmente accaduto.

Spiegazioni motivazionali del bias del senno di poi puntano sul fatto che siamo motivati a vivere in un mondo prevedibile (Inman, 2016).

Quando si verificano risultati sorprendenti, le nostre aspettative vengono violate e possiamo sperimentare reazioni negative come risultato. Così, ci affidiamo al bias del senno di poi per evitare queste risposte avverse a certi eventi imprevisti, e ci rassicuriamo sul fatto che in realtà sapevamo cosa sarebbe successo.

Self-Serving Bias (pregiudizio di autoservizio)

Il self-serving bias si riferisce alla tendenza ad assumersi la responsabilità personale per i risultati positivi e ad incolpare i fattori esterni per i risultati negativi.

Avreste ragione di chiedere come questo sia simile all'errore fondamentale di attribuzione (Ross, 1977), che identifica la nostra tendenza a enfatizzare troppo i fattori interni per il comportamento degli altri mentre attribuiamo fattori esterni per il nostro.

La distinzione è che il self-serving bias riguarda la valenza. Cioè, quanto è buono o cattivo un evento o una situazione. Ed è anche interessato solo agli eventi di cui si è l'attore.

In altre parole, se un guidatore vi taglia la strada mentre il semaforo diventa verde, l'errore fondamentale di attribuzione potrebbe farvi pensare che sia una cattiva persona e non considerare la possibilità che fosse in ritardo al lavoro.

D'altra parte, l'errore di attribuzione si esercita quando siete voi l'attore. In questo esempio, tu saresti il guidatore che taglia davanti all'altra macchina, e ti diresti che è perché sei in ritardo (un'attribuzione esterna a un evento negativo) invece che perché sei una cattiva persona.

Esempi del mondo reale

Dallo sport al posto di lavoro, il pregiudizio di auto-attribuzione è incredibilmente comune. Per esempio, gli atleti sono veloci ad assumersi la responsabilità per le vittorie personali, attribuendo i loro successi al duro lavoro e alla durezza mentale, ma puntano a fattori esterni, come le chiamate ingiuste o il maltempo, quando perdono (Allen et al., 2020).

Sul posto di lavoro, le persone attribuiscono fattori interni quando vengono assunti per un lavoro, ma fattori esterni quando vengono licenziati (Furnham, 1982). E nello stesso ufficio, i conflitti sul posto di lavoro sono attribuiti all'esterno e i successi, che si tratti di una presentazione persuasiva o di una promozione, ricevono spiegazioni interne (Walther & Bazarova, 2007).

Inoltre, il pregiudizio di autoservizio è più prevalente nelle culture individualiste, che pongono l'accento sui livelli di autostima e sugli obiettivi individuali, ed è meno prevalente tra gli individui con depressione (Mezulis et al., 2004), che sono più propensi ad assumersi la responsabilità dei risultati negativi.

Superare questo pregiudizio può essere difficile perché va a scapito della nostra autostima. Tuttavia, praticare l'autocompassione - trattando se stessi con gentilezza anche quando si fallisce o non si riesce - può aiutare a ridurre il pregiudizio di autoservizio (Neff, 2003).

Spiegazioni

La spiegazione principale del perché si verifica il bias di autoservizio è che è un modo di proteggere la nostra autostima (simile a una delle spiegazioni per il bias di conferma).

Siamo pronti a prenderci il merito per i risultati positivi e a deviare la colpa per quelli negativi come un modo per aumentare e preservare il nostro ego individuale che è necessario per la fiducia e per avere relazioni sane con gli altri (Heider, 1982).

Un'altra teoria sostiene che il self-serving bias si verifica quando si verificano eventi sorprendenti. Quando certi risultati vanno contro le nostre aspettative, attribuiamo fattori esterni, ma quando i risultati sono in linea con le nostre aspettative, attribuiamo fattori interni (Miller & Ross, 1975).

Un'estensione di questa teoria afferma che siamo naturalmente ottimisti, quindi i risultati negativi arrivano come una sorpresa e ricevono di conseguenza attribuzioni esterne.

Bias di ancoraggio

Il bias di ancoraggio è strettamente legato al processo decisionale e si verifica quando ci affidiamo troppo alle informazioni preesistenti o alla prima informazione (l'ancora) quando prendiamo una decisione.

Quando le persone cercano di prendere una decisione, spesso usano un'ancora o un punto focale come riferimento o punto di partenza. Gli psicologi hanno scoperto che le persone hanno la tendenza a fare troppo affidamento sulla prima informazione che apprendono, il che può avere un serio impatto sulla decisione che finiscono per prendere.1 In psicologia, questo tipo di bias cognitivo è noto come bias di ancoraggio o effetto di ancoraggio.

"Le persone fanno delle stime partendo da un valore iniziale che viene aggiustato per ottenere la risposta finale", hanno spiegato Amos Tversky e Daniel Kahneman in un articolo del 1974. "Il valore iniziale, o punto di partenza, può essere suggerito dalla formulazione del problema, o può essere il risultato di un calcolo parziale. In entrambi i casi, gli aggiustamenti sono tipicamente insufficienti. Cioè, punti di partenza diversi producono stime diverse, che sono distorte verso i valori iniziali".

L'effetto di ancoraggio ha un forte impatto sulle scelte che facciamo, dalle decisioni sui prodotti che compriamo, alle scelte quotidiane su come vivere la nostra vita.

Esempi del mondo reale

Se vi viene proposto come primo capo di abbigliamento una maglietta che costa € 1000,00 , e poi ve ne propongono una seconda che costa € 100,00, è più probabile che vediate la seconda maglietta come "economica" rispetto a quanto fareste se la prima camicia che avete visto costasse €120,00. Qui, il prezzo della prima maglietta influenza il modo in cui vediamo la seconda (principio del contrasto).

Questo bias viene normalmente utilizzato anche in altro modo, particolarmente sui siti e-commerce:

anchor effect 2

L'effetto di ancoraggio ha un impatto su molte aree della nostra vita quotidiana oltre alle decisioni finanziarie e di acquisto. Per esempio:

  • Quanti anni dovrebbero avere i tuoi figli prima che tu permetta loro di uscire con qualcuno? Tuo figlio sostiene che i suoi coetanei escono insieme a 14 anni, ma tu sei stato educato a credere che 16 sia l'età minima per uscire con qualcuno. L'effetto di ancoraggio vi porta a credere che i 16 anni siano la prima età in cui un ragazzo dovrebbe avere il permesso di uscire con qualcuno.
  • Quanto tempo ti aspetti di vivere? Se i tuoi genitori erano entrambi molto longevi, potresti automaticamente aspettarti che anche tu vivrai a lungo. A causa di questo punto di ancoraggio, potreste ignorare il fatto che i vostri genitori hanno vissuto uno stile di vita più sano e attivo che probabilmente ha contribuito alla loro longevità, mentre voi mangiate male e siete principalmente sedentari.
  • Quanta televisione dovrebbero guardare i vostri figli ogni giorno? Se hai guardato molta TV da bambino, potrebbe sembrare più accettabile che i tuoi figli stiano incollati alla televisione per ore ogni giorno.
  • Quale malattia è responsabile del dolore cronico di un paziente? L'effetto di ancoraggio può influenzare la capacità di un medico di diagnosticare accuratamente una malattia, poiché le prime impressioni sui sintomi di un paziente possono creare un punto di ancoraggio che influisce su tutte le valutazioni successive.

Spiegazioni

Ci sono molteplici teorie che cercano di spiegare l'esistenza di questo pregiudizio.

Una teoria, nota come ancoraggio e aggiustamento, sostiene che una volta stabilita un'ancora, le persone non si adattano sufficientemente da essa per arrivare alla loro risposta finale, e così la loro ipotesi o decisione finale è più vicina all'ancora di quanto sarebbe stata altrimenti (Tversky & Kahneman, 1992).

E quando le persone sperimentano un carico cognitivo maggiore (la quantità di informazioni che la memoria di lavoro può contenere in un dato momento; per esempio, una decisione difficile rispetto a una facile), sono più suscettibili agli effetti dell'ancoraggio.

Un'altra teoria, l'accessibilità selettiva, sostiene che anche se assumiamo che l'ancora non sia una risposta adatta (o un prezzo adatto, tornando all'esempio iniziale), quando valutiamo il secondo stimolo (o la seconda camicia), cerchiamo modi in cui è simile o diverso dall'ancora (il prezzo è molto diverso), con conseguente effetto di ancoraggio (Mussweiler & Strack, 1999).

Un'ultima teoria ipotizza che fornire un'ancora cambi gli atteggiamenti di qualcuno in modo che siano più favorevoli all'ancora, il che porta le risposte future ad avere caratteristiche simili all'ancora iniziale.

Anche se ci sono molte teorie diverse sul perché sperimentiamo l'anchoring bias, tutte concordano sul fatto che influenza le nostre decisioni in modo reale (Wegner et al., 2001).

Esperimenti

Il primo studio che ha portato alla luce questo bias fu durante uno degli esperimenti iniziali di Tversky e Kahneman (1974).

Questi hanno chiesto ai partecipanti di calcolare il prodotto dei numeri da 1 a 8 in cinque secondi, ovvero 1x2x3... o 8x7x6...

I partecipanti non avevano abbastanza tempo per calcolare la risposta effettiva, quindi dovevano fare una stima basata sui loro primi calcoli.

Hanno scoperto che coloro che hanno calcolato prima le moltiplicazioni piccole (cioè 1x2x3...) hanno dato una stima mediana di 512, ma quelli che hanno calcolato prima le moltiplicazioni più grandi hanno dato una stima mediana di 2.250 (anche se la risposta reale è 40.320).

Questo dimostra come i pochi calcoli iniziali abbiano influenzato la risposta finale del partecipante.

Bias della disponibilità (principio di scarsità)

Il bias della disponibilità (anche comunemente chiamato euristica della disponibilità) si riferisce alla tendenza a pensare che gli esempi di cose che vengono subito in mente siano più comuni di quello che è in realtà il caso.

In altre parole, le informazioni che vengono in mente più velocemente, influenzano le decisioni che prendiamo sul futuro. E proprio come il bias del senno di poi, questo bias è legato a un errore di memoria. Ma invece di riguardare la creazione di un ricordo, si trasforma in un'enfasi eccessiva dello stesso.

Sul posto di lavoro, se qualcuno viene preso in considerazione per una promozione, ma il suo capo ricorda una brutta cosa successa tempo prima ma che ha lasciato un'impressione duratura, quell'evento potrebbe avere un'influenza eccessiva sulla decisione finale.

Un altro esempio comune è quello di qualcuno che compra i biglietti della lotteria perché lo stile di vita e i benefici che derivano dalla vincita sono più facilmente disponibili nella mente (e le potenziali emozioni che sono associate alla vincita o al vedere altre persone vincere) rispetto al complesso calcolo delle probabilità di vincere effettivamente la lotteria (Cherry, 2019).

Un ultimo esempio comune che viene utilizzato per dimostrare l'euristica della disponibilità descrive come vedere diversi programmi televisivi o servizi giornalistici sugli attacchi di squali (o qualsiasi cosa che viene sensazionalizzata dai notiziari, come i serial killer o gli incidenti aerei) potrebbe far pensare che questo incidente sia relativamente comune anche se non lo è affatto.

Indipendentemente da ciò, questo modo di pensare potrebbe renderti meno incline ad andare in acqua la prossima volta che vai in spiaggia (Cherry, 2019).

Spiegazioni

Come con la maggior parte dei pregiudizi cognitivi, il modo migliore per superarlo è attraverso il riconoscimento del pregiudizio e l'essere più consapevoli dei tuoi pensieri e decisioni.
E poiché cadiamo vittime di questo pregiudizio quando il nostro cervello si affida a scorciatoie mentali veloci per risparmiare tempo, rallentare il nostro pensiero e il processo decisionale è un passo fondamentale per mitigare gli effetti dell'euristica della disponibilità.

I ricercatori pensano che questo bias si verifichi perché il cervello cerca costantemente di ridurre al minimo lo sforzo necessario per prendere decisioni, e così ci affidiamo a certi ricordi - quelli che possiamo richiamare più facilmente - invece di dover sopportare il complicato compito di calcolare le probabilità statistiche.

Ci sono due tipi principali di ricordi che sono più facili da richiamare: 1) quelli che si allineano più strettamente con il nostro modo di vedere il mondo, e 2) quelli che evocano più emozioni e lasciano un'impressione più duratura.

Esperimenti

Questo primo tipo di memoria è stato identificato nel 1973, quando Tversky e Kahneman, i nostri pionieri dei bias cognitivi, hanno condotto uno studio in cui hanno chiesto ai partecipanti se più parole iniziano con la lettera K o se più parole hanno la K come terza lettera.

Anche se molte più parole hanno la K come terza lettera, il 70% dei partecipanti ha detto che più parole iniziano con la K perché la capacità di ricordare questo non solo è più facile, ma si allinea più strettamente con il loro modo di vedere il mondo (conoscere la prima lettera di qualsiasi parola è infinitamente più comune della terza lettera di qualsiasi parola).

Per quanto riguarda il secondo tipo di memoria, lo stesso duo ha condotto un esperimento nel 1983, 10 anni dopo, in cui a metà dei partecipanti è stato chiesto di indovinare la probabilità che una massiccia inondazione si verificasse da qualche parte in Nord America, e l'altra metà doveva indovinare la probabilità che un'inondazione si verificasse a causa di un terremoto in California.

Anche se quest'ultimo è molto meno probabile, i partecipanti hanno comunque detto che questo sarebbe stato molto più comune perché sono stati in grado di ricordare eventi specifici ed emotivamente carichi di terremoti che colpiscono la California, in gran parte a causa della copertura delle notizie che ricevono.

Insieme, questi studi evidenziano come i ricordi più facili da richiamare influenzino notevolmente i nostri giudizi e le nostre percezioni sugli eventi futuri.

Cecità attenzionale

Un'ultima forma popolare di bias cognitivo è la cecità da disattenzione. Questo si verifica quando una persona non riesce a notare uno stimolo che è in piena vista perché la sua attenzione è diretta altrove.

Per esempio, mentre si guida un'auto si potrebbe essere così concentrati sulla strada davanti a sé che non si nota completamente una macchina che sbanda nella propria corsia di traffico.

Poiché la vostra attenzione è diretta altrove, non siete in grado di reagire in tempo, portando potenzialmente a un incidente d'auto. Sperimentare la cecità attenzionale ha le sue ovvie conseguenze (come illustrato da questo esempio), ma, come tutti i pregiudizi, non è impossibile da superare.

Spiegazioni

Ci sono molte teorie che cercano di spiegare perché sperimentiamo questa forma di bias cognitivo. In realtà, è probabilmente una combinazione di queste spiegazioni.

La teoria della visibilità sostiene che certi stimoli sensoriali (come i colori brillanti) e stimoli cognitivi (come qualcosa di familiare) hanno più probabilità di essere elaborati, e quindi gli stimoli che non rientrano in una di queste due categorie potrebbero essere mancati.

La teoria del carico di lavoro mentale descrive come quando concentriamo molta dell'energia mentale del nostro cervello su uno stimolo, stiamo usando le nostre risorse cognitive e non saremo in grado di elaborare simultaneamente un altro stimolo.

Allo stesso modo, alcuni psicologi spiegano come assistiamo a diversi stimoli con diversi livelli di capacità attenzionale, e questo potrebbe influenzare la nostra capacità di elaborare più stimoli contemporaneamente.

In altre parole, un guidatore esperto potrebbe essere in grado di vedere quell'auto sbandare nella corsia perché sta usando meno risorse mentali per guidare, mentre un guidatore principiante potrebbe usare più risorse per concentrarsi sulla strada e non essere in grado di elaborare quell'auto che sbanda.

Un'ultima spiegazione sostiene che poiché le nostre risorse attenzionali e di elaborazione sono limitate, il nostro cervello le dedica a ciò che rientra nei nostri schemi, o nelle nostre rappresentazioni cognitive del mondo (Cherry, 2020).

Così, quando uno stimolo inaspettato arriva sulla nostra linea di vista, potremmo non essere in grado di elaborarlo a livello cosciente. Il seguente esempio illustra come questo potrebbe accadere.

Esperimenti

Lo studio più famoso per dimostrare il fenomeno della cecità attenzionale è visionabile nel video successivo (Most et al., 2001).

Questo esperimento ha chiesto ai partecipanti di guardare un video di due gruppi separati che si passano una palla da basket e di contare quante volte la squadra bianca passa la palla.

I partecipanti sono in grado di riportare accuratamente il numero di passaggi, ma ciò che non riescono a notare è un gorilla che cammina direttamente al centro del cerchio (infatti è denominato lo studio del gorilla invisibile).

Poiché questo non sarebbe previsto, e poiché il nostro cervello sta usando le sue risorse per contare il numero di passaggi, non riusciamo completamente a elaborare qualcosa proprio davanti ai nostri occhi.

Un esempio nel mondo reale di cecità disattenta si è verificato nel 1995 quando l'agente di polizia di Boston Kenny Conley stava inseguendo un sospetto ed è passato accanto a un gruppo di agenti che stavano erroneamente trattenendo un poliziotto sotto copertura.

Conley fu condannato per falsa testimonianza e ostruzione alla giustizia perché presumibilmente vide la lotta tra il poliziotto sotto copertura e gli altri agenti e mentì per proteggere gli agenti, ma rimase fedele alla sua testimonianza dove riportava che in realtà non aveva vista la colutazione (a causa della cecità disattenta) e alla fine fu scagionato (Pickel, 2015).

La chiave per superare la cecità attenzionale è due massimizzare l'attenzione che si ha evitando distrazioni come controllare il telefono. Ed è anche importante prestare attenzione a ciò che le altre persone potrebbero non notare (se sei quel conducente, non dare sempre per scontato che gli altri possano vederti).

Lavorando sull'espansione della vostra attenzione e riducendo al minimo le distrazioni inutili che consumano le vostre risorse mentali, potete lavorare per superare questo pregiudizio.

Come prevenire i bias cognitivi

Come sappiamo, riconoscere questi pregiudizi è il primo passo per superarli. Ma ci sono altre piccole strategie che possiamo seguire per allenare la nostra mente inconscia a pensare in modi diversi.

Dal rafforzare la nostra memoria e minimizzare le distrazioni, al rallentare il nostro processo decisionale e migliorare le nostre capacità di ragionamento, possiamo lavorare per superare questi pregiudizi cognitivi.

Un individuo può valutare il proprio processo di pensiero, noto anche come metacognizione ("pensare al pensiero"), che fornisce un'opportunità per combattere i pregiudizi (Flavell, 1979).

Questo processo multifattoriale comporta (Croskerry, 2003):

  • riconoscere i limiti della memoria,
  • cercare una prospettiva mentre si prendono le decisioni,
  • essere in grado di auto-criticarsi
  • essere in grado di scegliere strategie per prevenire l'errore cognitivo.

Molte delle strategie usate per evitare i bias che descriviamo sono anche conosciute come strategie di forzatura cognitiva, che sono strumenti mentali usati per forzare un processo decisionale imparziale.

Vuoi utilizzare questi bias nella tua strategia marketing?

Chiedici come fare Contattaci su WhatsApp

Articoli correlati

12 Bias Cognitivi che devi conoscere se ti occupi di e-commerce
12 Bias Cognitivi che devi conoscere se ti occupi di e-commerce
67 modi per aumentare la conversione con i bias cognitivi
67 modi per aumentare la conversione con i bias cognitivi
L'effetto Bandwagon
L'effetto Bandwagon
L'effetto di Semplice Esposizione
L'effetto di Semplice Esposizione
L'effetto IKEA come bias cognitivo
L'effetto IKEA come bias cognitivo
L'effetto Zeigarnik e la Memoria
L'effetto Zeigarnik e la Memoria

Dove Siamo

Siamo un'agenzia di Comunicazione & Marketing.
Ideiamo e Implementiamo progetti di Comunicazione
Interna ed Esterna perseguendo il risultato atteso.
Formae98 srl Piazza Garibaldi, 63
70122 Bari (BA)
Italy
080.531.23.30
P.I. IT06727580729