+39 080.531.23.30

Search our Site

Qual è la frequenza media di rimbalzo di un eCommerce e cosa, realmente, questa indica?

Cerchiamo di scoprirlo insieme analizzando cosa la causa... e come ottimizzarla.

Quando ci viene chiesto di analizzare i dati Analytics di un sito, di solito ci piace iniziare con la frequenza di rimbalzo dell'eCommerce.... e quasi sempre ci troviamo a dover rispondere  a domande come:

  • qual è una buona frequenza di rimbalzo per un sito eCommerce?
  • come trovare la frequenza di rimbalzo?
  • come ridurre la frequenza di rimbalzo nell'eCommerce?

Cos'è la frequenza di rimbalzo (bounce rate)?

Wikipedia definisce la "frequenza di rimbalzo" come un termine di marketing interno utilizzato per misurare o analizzare il traffico web. In termini più semplici, "rappresenta la percentuale di visitatori che entrano nel sito e poi se ne vanno (bounce)", invece di navigare verso altre pagine del sito.

Google Analytics definisce la frequenza di rimbalzo come "la percentuale di visite a singola interazione di un sito web", perché la visualizzazione di una pagina è considerata la seconda interazione più comune.

Per arrivare a una frequenza di rimbalzo, è necessario calcolare il rapporto tra il numero di visitatori che "rimbalzano" e quelli che continuano a navigare nel tuo sito web.

Quindi un'alta frequenza di rimbalzo significa tipicamente che non sei stato in grado di dare, ai tuoi visitatori, una buona prima impressione.

Benchmark nella frequenza di rimbalzo dell'eCommerce

Quando un visitatore arriva sul sito, il nostro obiettivo primario è quello di mantenere la frequenza di rimbalzo la più bassa possibile.

Ricordiamoci che una frequenza di rimbalzo superiore al 50% può avere un impatto negativo sui tassi di conversione.

Poichè il fine ultimo di ogni e-commerce è quello di vendere, se non ci riusciamo, è necessario scoprire il motivo.

Le percentuali di rimbalzo dell'eCommerce possono essere innescate da uno dei seguenti scenari:

  • Ritorno alla pagina dei risultati di ricerca dopo aver visualizzato una pagina del vostro sito web
  • Inserimento di un nuovo URL nella barra degli indirizzi
  • Uscita dal browser dopo aver visitato una pagina
  • Seguire un link in uscita
  • Rimanere inattivi sul sito con conseguente time-out
  • Rimanere su una pagina senza innescare alcun evento e poi uscire
  • Cliccare su un altro sito web dopo aver visto solo una pagina del tuo sito


Quindi, qual è un punto di riferimento accettabile per la percentuale di rimbalzo ?

I dati più recenti indicano che il Bounce Rate medio di un 'eCommerce è del 45,68%.

Ma in genere, i siti di eCommerce e di vendita al dettaglio possono avere tassi di rimbalzo tra il 20%-45%, che è normale e considerato "non così male".

I top performer del settore hanno una frequenza di rimbalzo del 36% o inferiore.

Ora è qui che diventa un po' complicato. Se tutto sta funzionando bene per il tuo eCommerce e il tuo negozio sta mostrando quella che si chiama "crescita sostenibile", può andare bene avere una frequenza di rimbalzo alta.

Detto questo, un'alta frequenza di rimbalzo significa che stiamo sbagliando qualcosa.

È anche importante tenere a mente che non esiste una "buona" frequenza di rimbalzo. Per qualsiasi sito web, eCommerce o no, una certa frequenza di rimbalzo è inevitabile.

Tuttavia, è preoccupante quando inizia a influenzare il rendimento complessivo del business e abbatte i tassi di conversione - e questo dipende da diversi fattori. Per esempio, se hai una base di utenti molto grande, la frequenza di rimbalzo sarà anche un po' più alta dei siti web con meno traffico. Questo è un dato di fatto, ed è inevitabile. Anche la posizione geografica potrebbe essere un fattore in alcuni casi. In alcune regioni la frequenza di rimbalzo per un particolare settore o prodotti sarà più alta e anche i vostri concorrenti in quella regione sperimenteranno lo stesso.

Fattori che incidono sul Bounce Rate dell'eCommerce

Proviamo a elencare alcune ragioni per le più alte frequenze di rimbalzo del sito eCommerce e parliamo anche di come ridurre le frequenze di rimbalzo:

Layout del sito web

Un layout del sito eCommerce disordinato e con troppe distrazioni, abbassa la capacità di attenzione dei visitatori. Un focus chiaro sui prodotti con immagini e descrizioni leggibili velocemente, aiuta a ridurre le percentuali di rimbalzo. Ridurre le distrazioni e aumentare gli spazi bianchi tra le immagini e i punti di testo, aumenta anche le conversioni.

Caratteristiche del sito web come un sito di eCommerce che si carica velocemente, il giusto equilibrio tra immagini e altri elementi visivi e l'offerta di immagini dettagliate di alta qualità del prodotto visto da diverse angolazioni sono anche molto utili per ridurre la frequenza di rimbalzo.

Guardate questo esempio di una pagina di Ko Italia qui sotto. È minimalista, ordinata, con filtri chiari e immagini di alta qualità.

koitalia

 

D'altra parte, guardate il seguente sito di un'azienda chiamata Arngren. È così disordinato che un alto tasso di rimbalzo è inevitabile (oltre ad avere un numero bassissimo di visualizzazioni).

arngren

Pagine pesanti per la troppa pubblicità 

Gran parte del bounce rate di un eCommerce è dovuto a pagine piene di pubblicità.

È importante ricordare che Google riduce le classifiche di quelle pagine che bombardano gli utenti con un sacco di annunci sopra la piega, perché questo rende il visitatore del tuo sito web difficile trovare il contenuto che sta cercando. Questo è davvero fastidioso per qualsiasi visitatore e potrebbe perdere la fiducia in voi.

CTA non ottimizzate

Le CTA (Call To Action) sono importanti per qualsiasi sito web. Le Call To Action che mostrano offerte di sconto a tempo limitato, sono spesso molto efficaci sulle piattaforme di eCommerce.

Questo, però, non significa che tutte le CTA debbano essere mirate al raggiungimento delle vendite.

Il linking interno è un ottimo modo per indirizzare i vostri visitatori verso altre pagine del vostro sito web, assicurando che rimangano coinvolti nei vostri contenuti.

Collegare i vostri prodotti ad articoli di blog correlati è molto efficace per mostrare alcuni contenuti rilevanti che i vostri utenti vorrebbero trovare. Le CTA sono importanti per il contenuto della pagina, perché questo aumenta il CTR - tasso di clic - riducendo così la tua frequenza di rimbalzo.

Siti web non sicuri

I siti di eCommerce devono raccogliere informazioni personali e sensibili dai loro clienti - come i dati bancari e della carta di credito per consentire loro di completare gli acquisti. E i clienti spesso "rimbalzano" dal sito web quando non trovano informazioni rilevanti sul sito che dicono loro che il sito è sicuro. Le certificazioni SSL e i sigilli di fiducia sulla pagina di checkout riducono questa apprensione permettendo ai tuoi clienti di completare i loro acquisti - riducendo così le percentuali di rimbalzo.

Mancanza di comprensione dei canali di marketing

I canali di marketing sono ottimi modi per capire da dove proviene la maggior parte (o meno) dei tuoi visitatori perché questo aiuta a segmentare alcuni di questi dati. Capire da dove proviene il vostro traffico e quale canale di marketing è probabile che il vostro pubblico usi sono parametri importanti che dovete analizzare a fondo se volete ridurre la frequenza di rimbalzo del vostro eCommerce.

Per esempio, i visitatori che sono arrivati al vostro sito dai canali dei social media, hanno maggiori probabilità di rimbalzare rispetto ai visitatori provenienti da qualsiasi altro canale, il motivo è che gli utenti dei social media di solito scorrono i loro feed di notizie, visualizzano piccoli pezzi di informazioni e fanno clic su di essi senza alcuna intenzione di acquisto. Invece, un utente che ha cercato un prodotto specifico su Google ha già dimostrato una forte intenzione di acquisto. Quindi, quando questi utenti mostrano un alto tasso di rimbalzo sulle vostre pagine, c'è una ragione per questo e questa dovrebbe essere affrontata.

Personalizzazione inadeguata

Secondo uno studio di Gartner, ci sarà un aumento del 15% del profitto per coloro che gestiscono con successo la personalizzazione nell'eCommerce.

La personalizzazione non è altro che il modo di creare esperienze individualizzate e personalizzate per i clienti visualizzando dinamicamente contenuti, raccomandazioni di prodotti e prodotti correlati, adottando campagne email personalizzate e alimentate dall'AI in base ai dati demografici, alla cronologia di navigazione online e agli acquisti passati.

La personalizzazione basata sull'intelligenza artificiale si sta configurando come il prossimo traguardo tra i top player degli eCommerce.

Tag Titolo/ Meta Descrizione fuorvianti

Accade spesso che i visitatori arrivino al tuo sito web avendo un'idea in testa, solo per scoprire che il sito web non contiene quello che stavano cercando.

Questo accade come risultato di tag title e meta description fuorvianti. Il contenuto della tua pagina dovrebbe essere accuratamente riassunto dal tuo tag title e meta description. In questi casi i vostri visitatori non trovano quello che stavano cercando, e lasciano il vostro sito web aumentando la frequenza di rimbalzo del vostro eCommerce.

Rivedete il contenuto delle vostre pagine web e assicuratevi che i vostri Title Tag e Meta Descriptions siano allineati a quello.

Pagina vuota o errore 404

Se la tua frequenza di rimbalzo è eccezionalmente alta e spesso le persone passano meno di pochi secondi sul tuo sito web, è possibile che la tua pagina sia vuota, che restituisca un errore 404, o che non si carichi correttamente o istantaneamente.

Prova a guardare il tuo sito web dai browser e dalle configurazioni dei dispositivi più popolari per rispecchiare la loro esperienza e poi parla con qualcuno che possa aiutarti.

Politiche di spedizione difficili da trovare

Questo potrebbe sembrare una questione piuttosto banale quando si parla di alti tassi di rimbalzo, ma non lo è.

I prodotti non sono le uniche cose che le persone cercano quando sono lì con l'intenzione di acquistare. Gli acquirenti (molti di loro) spesso cercano le politiche di spedizione e altre informazioni correlate prima di fare un acquisto.

Vogliono essere al corrente delle politiche di spedizione prima di premere "acquista". Bisogna sempre includere le informazioni e/o la politica di spedizione nelle pagine dei prodotti (o almeno  nella pagina di destinazione). Che sia chiaro per i tuoi visitatori quando acedono per la prima volta sul tuo sito web.

Sito web poco reattivo

Ultimo ma non meno importante, assicuratevi che l' eCommerce sia reattivo (veloce nel caricamento e ottimizzato) sui dispositivi mobili. Le persone fanno sempre più acquisti dai loro smartphone e/o tablet, e non ottenere una grande esperienza è fortemente deleterio, aumentando la frequenza di rimbalzo del vostro eCommerce.

Quanto è importante misurare bene il Bounce Rate?

Detto e fatto, l'equazione della frequenza di rimbalzo non racconta sempre tutta la storia.

Misurare la frequenza di rimbalzo è importante per qualsiasi sito web, ma misurarla correttamente è la chiave.

Considerate questo, per esempio.

Un visitatore apre la pagina di un prodotto a seguito di una ricerca su Google. Esamina i prodotti, il prezzo e altre specifiche.

Questo visitatore, però, potrebbe anche avere altre schede prodotto aperte di ulteriori e-commerce che hanno prodotti simili.

In parole povere, stanno facendo shopping comparativo, quindi guarderà tutto attentamente e lo confronterà con i prodotti dei tuo competitor.

Potrebbe anche passare un buon paio di minuti sulla tua pagina prodotto. Ma con tuo grande disappunto, alla fine, chiuderà il tuo sito senza fare alcun acquisto.

Sfortunatamente, anche questo genererà un rimbalzo.

Il tuo sito è forse un sito perfetto perchè sono stati ottimizzati tutti i 10 fattori sopra menzionati. Non si potrebbe fare di più per garantire che questo visitatore rimanga e compri dal negozio. Se ne vanno comunque.

Quindi, l'analisi è importante. Una cosa importante da notare qui è che la tua frequenza di rimbalzo dell'intero sito non sarà molto utile per le tue analisi, particolarmente se è composto da molte pagine web.

Ciò che è più utile, è la frequenza di rimbalzo a livello di pagina in quanto considera in modo specifico il tipo di contenuto della pagina.

I post dei blog di solito vedono tassi di rimbalzo più alti rispetto alle pagine dei prodotti.

Questo è normale, perché le persone non vogliono leggere grandi quantità di informazioni se non sono rilevanti per loro.

Come ridurre la frequenza di rimbalzo dell'eCommerce

Il nocciolo della questione è che un'alta frequenza di rimbalzo non indica necessariamente scarse prestazioni o tassi di conversione più bassi.

È importante analizzare la frequenza di rimbalzo con altri rapporti analitici come il tempo trascorso sulla pagina, i riferimenti di traffico, ecc. e poi abbinarli ai vostri obiettivi prima di arrivare a qualsiasi conclusione.

Basse percentuali di rimbalzo nell'eCommerce comportano tipicamente la cura di tutti i fattori descritti in questo articolo, e poi spendere un po' più di tempo con il tuo software di analisi per capire cos'altro potresti fare per abbassare le percentuali di rimbalzo.

Vuoi realmente aumentare le vendite del tuo eCommerce?

Chiedici come fare Contattaci su WhatsApp

Articoli correlati

10 importanti metriche per l'eCommerce
10 importanti metriche per l'eCommerce
12 Bias Cognitivi che devi conoscere se ti occupi di e-commerce
12 Bias Cognitivi che devi conoscere se ti occupi di e-commerce
67 modi per aumentare la conversione con i bias cognitivi
67 modi per aumentare la conversione con i bias cognitivi
Cos'è il Customer Journey?
Cos'è il Customer Journey?
Introduzione all'e-Commerce Marketing
Introduzione all'e-Commerce Marketing
12 Statistiche di Emotional Marketing
12 Statistiche di Emotional Marketing

Dove Siamo

Siamo un'agenzia di Comunicazione & Marketing con sede a Bari.
Ideiamo e Implementiamo progetti di Comunicazione
Interna ed Esterna perseguendo il risultato atteso.
Formae98 srl Piazza Garibaldi, 63
70122 Bari (BA)
Italy
080.531.23.30
P.I. IT06727580729